Chi siamo

cropped-logo-nuovo-cassiopea3.png

Cassiopea N.P.L. S.p.A. nasce a maggio 2005, con la denominazione allora di Cassiopea Immobiliare s.r.l.. L’oggetto sociale, all’atto della costituzione, prevedeva la compravendita di immobili ed in tal senso venivano concepite le iniziali operazioni acquisto di crediti ipotecari non performing. Dopo questa iniziale parentesi, i soci fondatori, nel marzo 2008, decidevano di intraprendere l’iter per la modifica e strutturazione della società al fine dell’iscrizione all’elenco generale ex art. 106 T.U.B. per l’esercizio dell’attività finanziaria nei confronti del pubblico mediante acquisto di crediti. I soci pertanto procedevano, con assemblea straordinaria del 1° luglio 2008, a modificarne lo statuto, ivi compreso l’oggetto sociale, rendendolo idoneo allo svolgimento di attività finanziaria, e deliberavano ed aumentavano il capitale sociale ad euro 600.000,00 mediante apporto di pari importo di risorse finanziarie. La società assumeva in tale sede la denominazione di Cassiopea N.P.L. S.r.l. ed intraprendeva quindi l’iter finalizzato all’iscrizione all’elenco generale ex art. 106 tenuto dalla Banca d’Italia. La domanda per l’iscrizione veniva presentata alla Banca d’Italia che aveva medio tempore assorbito le funzioni dell’Ufficio Italiano Cambi. L’iter per l’iscrizione si esauriva formalmente il 21 dicembre 2009, quando la Banca d’Italia provvedeva all’iscrizione della società nell’elenco generale al numero 41659 per attività di concessione finanziamenti e sotto-attività di factoring. Ottenuta l’iscrizione la società, integralmente autofinanziata, procedeva ad un’intensa attività di acquisto di crediti non performing di natura ipotecaria da primari operatori del mercato, quali Unicredit Credit Management Bank S.p.A. (già UGC s.p.a.) ed Italfondiario S.p.A., non disdegnando al contempo operazioni della medesima natura con altri operatori istituzionali. Nel primo semestre 2012 la società intraprendeva l’iter di strutturazione della propria governance societaria in previsione dell’emananda normativa secondaria della Banca d’Italia al fine di richiedere l’iscrizione al nuovo albo delle società finanziarie ex art. 106 TUB cosi come riformato con il D.lgs 141 / 2010. In tale ambito è stato adottato un modello organizzativo idoneo a presidiare opportunamente l’attività di assunzione dei rischi e tutte le funzioni critiche connesse, anche attraverso l’ inserimento di figure professionali di consolidata esperienza.

9,611 Visite totali, 10 visite odierne